Una notte in Italia

Festival del Cinema di Tavolara

(sezione in aggiornamento)

Il festival Una Notte in Italia, nato nel 1991, da un gruppo di amici innamorati dell’isola di Tavolara e del cinema, ha seguito da vicino per anni la produzione e le vicende del cinema italiano, coinvolgendo nel suo svolgimento autori ed interpreti.

Il festival ha sempre mantenuto le stesse prerogative: tanto cinema italiano, alcune volte quello più bistrattato dai circuiti di distribuzione, la stessa cornice inimitabile (Tavolara è stata definita la più affascinante arena all’aperto del mondo e vero cinema in Paradiso) e la voglia di affermare che anche un bene ambientale d’inestimabile valore come l’isola di Tavolara potesse essere fruito con proposte intelligenti che coniugassero alla perfezione tutela paesaggistica e turismo. Con uno spazio tradizionalmente dedicato al cinema sardo e in particolare ai giovani registi o ad opere significative del panorama regionale.

L’attività del festival ha sempre posto l’accento sulla valorizzazione ambientale dell’isola ed ha aiutato la costituzione di una riserva marina protetta ormai affermata nel panorama nazionale e internazionale.

Nello sviluppo del suo corso, l’evento si è arricchito con un nutrito programma di attività collaterali: fondamentali a questo proposito gli apporti di Severino Salvemini (docente dell’Università Bocconi di Milano e esperto di economia dello spettacolo che curerà la presentazione-evento di libri sul cinema); di Antonio Maraldi, direttore del Centro Cinema Città di Cesena e fondatore e presidente dei concorsi nazionali Clicciak; della giornalista ed esperta di cinema Piera Detassis e di Geppi Cucciari (insieme cureranno gli incontri con gli autori).

La manifestazione ha mantenuto fede sempre alla prerogativa di grande evento popolare, nel corso del quale pubblico e addetti ai lavori si incontrano senza filtri nella stessa barca e nella stessa platea. Si è anche dilatata la portata territoriale dello stesso che ora vede coinvolti tre comuni, Olbia, Loiri-Porto San Paolo, San Teodoro, nonché enti come L’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo, il Centro Cinema Città di Cesena e Confindustria Nord Sardegna. L’evento è anche accreditato presso le università di Bologna, Sassari e Venezia per la realizzazione di tirocini.

La dimensione raggiunta dall’evento, la sua credibilità a livello nazionale e la qualità dei giornalisti e degli addetti ai lavori coinvolti ne fa uno dei festival che vantano più presenza sui media nazionali, tra quelli svolti in Sardegna, ed una vera e propria risorsa economica per il territorio.

Da anni il festival collabora in rete con altri festival cinematografici regionali uniti dalla particolarità di svolgersi tutti in piccole isole della Sardegna nel percorso Le isole del cinema.

 

Fonte: Festival del Cinema di Tavolara https://www.cinematavolara.it/

Anteprima Edizione 2021

15 giugno – Porto San Paolo, Piazzetta Gramsci

Omaggio cinematografico a Dante, in occasione dei 700 anni dalla scomparsa.
Proiezione de “L’Inferno” (1911) diretto da Francesco Bertolini, Giuseppe De Liguoro e Adolfo Padovan e musicato in diretta con la colonna sonora originale di Luigi Frassetto, insieme ad Alessio Manca, Francesca Fadda, Gioele Lumbau e Francesco Sergi.
Lettura di alcuni passi della prima cantica ed esibizione di Neri Marcorè.

18 giugno – Nuoro, Corso Garibaldi 60

Mostra fotografica “8 ½ di Fellini” con le foto inedite di Paul Ronald.

19 giugno – Olbia, Politecnico Argonauti

(massimo dieci corsisti)

Workshop del Festival “Corpo a corpo con la città. Esperienze visuali nella ricerca”, tenuto in collaborazione con la facoltà di Architettura dell’Università l’università di Cagliari da Maurizio Memoli.

27 giugno – Olbia, Politecnico Argonauti

(massimo 10 corsisti)
Workshop “Modellare la luce”, dedicato alla fotografia di scena e al ruolo del direttore della fotografia. Ospiti: Angelo Turetta e Enzo Carpineta.

Per informazioni e prenotazioni: www.cinematavolara.it

Tel. +39 0789 183 5777

Per i workshop: cinema.tavolara@tiscali.it

Programma 2021

10 luglio

Stintino – Museo della tonnara, Via Lepanto – h 18:00
Apertura della mostra “Le vite degli altri”, fotografie di Egidio Trainito

13-14-15 luglio

San Teodoro, Parco Li Menduli, Sagrati delle chiese di Straula e Montepetrosu. h 21:30
Apecinema, proiezioni dal programma “Visioni Sarde”

15 luglio

Porto San Paolo – Piazzetta Gramsci, h 17:00
Apertura della mostra fotografica “Cliciak”, concorso nazionale per fotografi di scena italiani a cadenza annuale, organizzato dal Centro Cinema Città di Cesena
San Teodoro – Ufficio turistico, Piazza Mediterraneo 1, h.18:00
“Alida Valli signora del cinema”, mostra fotografica

16 luglio

Porto San Paolo – Piazzetta Gramsci, h 21:00
“Anne” di Stefano Malchiodi e Domenico Croce, cortometraggio
“Sul più bello” di Alice Filippi.
Seguono le clip in esclusiva dei sequel del film

17 luglio

Isola di Tavolara – Arena cinema, h 21:00
“Il gioco” di Alessandro Haber, cortometraggio
“L’oro di famiglia” di Emanuele Pisano, cortometraggio
Estratto dal documentario “Fuori era primavera – Viaggio nell’Italia del Lockdown” di Gabriele Salvatores, omaggio al Re di Tavolara.
“L’incredibile storia dell’isola delle rose” di Sydney Sibilia

18 luglio

Isola di Tavolara – Arena cinema, h 21:00
Consegna a Greta Scarano del Premio Eco Mov 2021 per la serie tv di Rai1 “Chiamami ancora amore” di Gianluca Maria Tavarelli
“Shero” di Claudio Casale, cortometraggio
“Gas station” di Olga Torrico, cortometraggio
“Nomadland” di Chloé Zhao

Le serate a Tavolara saranno condotte da Geppi Cucciari

Partenza per l’isola di Tavolara, i giorni delle proiezioni, dal molo Marina di Porto San Paolo dalle ore 18:30.

Per questa edizione del festival la capienza della platea sarà ridotta in scrupolosa ottemperanza a tutte le prescrizioni sanitarie relative al distanziamento e alla sanificazione degli ambienti. L’accesso sarà a pagamento, con attribuzione di un posto assegnato.

È possibile acquistare i biglietti sul sito www.cinemaolbia.it al costo di euro 2,00 più prevendita.

Il costo del trasporto verso l’isola di Tavolara non è incluso nel costo del biglietto della proiezione e non saranno ammesse in platea persone sprovviste di biglietto.